• Bulgari

    Bulgari

  • Pomellato

    Pomellato

  • Chantecler

    Chantecler

  • Vhernier

    Vhernier

  • Dodo

    Dodo

  • Pomellato67

    Pomellato67



Le quattro C

Un diamante si giudica attraverso quattro caratteristiche che determinano il valore della gemma:

il peso in carati  - Carat weight

Come per tutte le pietre prezione, anche per i diamanti, il peso è espresso in carati.

Un carato equivale in gergo commerciale a 100 "punti", pertanto un diamante di 25 punti equivale a 0,25 carati.

 

la purezza - Clarity

Quasi tutti i diamanti contengono minute tracce di carbonio non cristallizzato, l'elemento dal quale sono stati originati.

La maggior parte di queste inclusioni non sono visibili ad occhio nudo, e per essere individuate è necessario l'uso di lenti di ingrandimento.

Una gemma è considerata pura se non presenta alcuna inclusione visibile con lente a 10 ingrandimenti.

il colore - Color

I diamanti più rari e preziosi sono dedfiniti incolore (bianchissimi); scendendo di qualità tendono ad assumere colorazioni che vanno dal bianco alle varie tonalità del giallo che, quanto più si intensifica, tanto più ne svilisce il valore.

 

il taglio - Cut

Il taglio è ciò che permette al diamante di sprigionarela massima quantità di luce.

In un diamante tagliato correttamente la luce, che penetra dall'alto, si riflette tra le piccole sfaccettature e fuoriesce nuovamente dall'alto.

Qualore le proporzioni scelte dal tagliatore non rispettino quelle ideali, la luce, dopo essere catturata dalla gemma, si disperde verso il basso, prima di poter essere riflessa.